Pacchetto (in)sicurezza

Mi vergogno di essere italiano. Ora lo posso tranquillamente urlare.

Ieri, 2 luglio 2009, il Parlamento Italiano ha approvato il discusso pacchetto sicurezza, che di fatto distrugge lo stato di diritto. In particolare ci troviamo di fronte a norme che violano qualunque trattato internazionale sui diritti basilari dell’essere umano.

Da una parte essere clandestini diventerà sempre più difficile e li sotterrerà sempre di più nell’illecito. Ad esempio un articolo della norma punisce chi affitta una casa a un clandestino con una pena che può variare tra sei mesi e anno di carcere. O, ancora, si può citare la norma che impone ai medici di denunciare i clandestini che si dovessero rivolgere a loro per le cure.

Dall’altra parte viene a crearsi un gap legislativo mostruoso per tutti i clandestini che avranno dei figli nel nostro paese. I neonati, infatti, non avranno più d’ufficio la cittadinanza italiana. Riporto un brano di un articolo di Enrico Di Giacomo, giornalista freelance.

In Italia questi bambini non potranno avere un nome e una cittadinanza, diventeranno invisibili, privi di qualsiasi documento che attesti la loro identità e quindi senza diritti, senza la possibilità di andare a scuola e particolarmente vulnerabili ad abusi, sfruttamento, tratta di esseri umani e a diventare vittime della criminalità organizzata. Per i bambini nati in ospedale si potranno aprire procedimenti per la dichiarazione dello stato d’abbandono del neonato poiché i genitori sono impossibilitati a riconoscerlo. Questi bambini potranno essere separati dai loro genitori, in violazione del diritto fondamentale di ogni minore a crescere nella propria famiglia ed è prevedibile che aumentino i casi di parti in ambienti non sicuri dal punto di vista sanitario, con gravi rischi per la salute delle madri e dei bambini. Questo è in palese contrasto con la Convenzione ONU dei Diritti dell’Infanzia(2) del 1989, resa esecutiva in Italia nel 1991, e con la nostra Costituzione che proteggono l’infanzia e la maternità. Per questo chiediamo con forza al Parlamento di modificare il testo in discussione in modo tale da ristabilire l’aderenza delle nostre leggi ai principi internazionali e della nostra Costituzione. Nessun bambino in Italia deve diventare invisibile!

2 thoughts on “Pacchetto (in)sicurezza

  1. Guarda che nessun bambino che nasce in Italia ha “d’ufficio” la cittadinanza italiana, come scrivi tu. La cittadinanza italiana si acquisisce per via paterna, seguendo lo ius sanguinis. Questa tradizione è comune ad altri Stati: la Svizzera, per esempio.

    Altri Paesi, invece, come gli Stati Uniti e la Francia, seguono lo ius soli: è francese chi nasce sul suolo francese, è statunitense chi nasce sul suolo statunitense. Posti civili, insomma.

    M.

  2. Mmh, onestamente credevo che anche in Italia fosse in vigore lo “ius soli”. Questo vuol dire che il problema dei bambini fantasmi c’era anche prima?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.