Libertà su internet a rischio?

Il 6 luglio scorso è stata approvata la direttiva che permette all’Agenzia Garante delle Comunicazioni (AGCom) di obbligare i provider a inibire l’accesso verso un determinato sito web qualora vi sia il sospetto che quest’ultimo violi un qualche diritto d’autore. L’Italia diventa così l’unico paese del blocco occidentale a mettere una spada di Damocle su tutti i siti web, come in passato è stato per la Cina.

Ora devono passare 60 giorni per la consueta consultazione pubblica, dopo di ché la legge diventerà operativa.

Ulteriori informazioni

Mi sa che qui ci conviene emigrare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.