Il 112 e il silenzio dell’informazione

112_logo_sp

Si mente o no quando un’informazione importante viene omessa? Possiamo dire che la nostra informazione è “imbavagliata” quando dà una notizia solamente in parte?

Questa sera il TG1 ha tanto lodato l’introduzione in Italia (e in particolare in Provincia di Varese) del 112 quale numero unico di emergenza. Da oggi, infatti, parte ufficialmente la sperimentazione che semplificherà la numerazione di emergenza in tutta Italia, convogliando le telefonate al 112, 113, 115 e 118 a un’unica numerazione, il 112 appunto, che poi si occuperà di smistare adeguatamente a chi di competenza.

I vantaggi di questa idea sono banali: in casi di effettiva emergenza, quando la mente non è lucidissima, è sufficiente ricordarsi a mente un solo numero, senza pensare “per i pompieri è il 115 o il 116?”.

Ebbene, la notizia è però stata data a metà. Nel servizio del TG1 non è stata minimamente citato il fatto che questa modifica sia una direttiva europea e che le altre nazioni europee si sono già adeguate. Infine, non meno importante, l’Italia è stata più volte bacchettata per il ritardo, fino alla minaccia (per ora) di una multa da capogiro.

Troppo facile, da parte del TG1, lodare come innovazione un ordine che viene dall’alto, raggiunto peraltro con ritardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.