Occupare il tempo…

Occupazione

Nell’Università di Pavia gli studenti hanno deciso di occupare. Ma in modo democristiano.

Insomma, nel Sessantotto quando gli studenti ce l’avevano con il governo facevano casino. Veramente casino. Ora si fa casino, ma col permesso di mamma e papà. D’altronde che figli di papà saremmo se non fosse così?

Ebbene, l’Aula II di Lettere e l’Aula VI di Scienze Politiche sono occupate. Ma cosa ne pensano le istituzioni? Che domande: sono perfettamente d’accordo. A parte il preside di Economia, prof. Bianchi, che in un suo intervento ha sostenuto una tesi di quelle davvero “rivoluzionaria”: quando era giovane lui si faceva più casino e si spaccava tutto. Loro non erano mica alle prime armi!

Gli studenti di Pavia, invece, occupano in maniera light. Durante il giorno organizzano eventi, offrono caffé, rendono disponibili tutti i quotidiani. Durante la notte dormono. Il tutto solo in un’aula, per gentile concessione. Le lezioni? Spostate in luoghi alternativi, con tanto di note ufficiali sui siti di Facoltà (lettere) (scienze politiche).

Una sera ho voluto assistere personalmente a questa “occupazione” scoprendo che:

  • L’Università non ha chiuso i cancelli per accedere alle aule occupate.
  • Gli studenti hanno però incatenato a doppia mandata i cancelli di cui sopra. Motivazione? Paura degli agguati neonazisti.

Ora, vorrei dare un consiglio ai neonazisti.

Aggiornatevi un po’, non andate in giro a picchiare i comunisti. Non sono veri comunisti, poverini. Credono di esserlo, ma in realtà occupano perché è divertente. Dai, ammettiamolo: è una figata dormire nelle aule universitarie e sentirsi per qualche sera dei veri rivoluzionari formato tascabile, essere in una vetrina e sembrare importanti e indispensabili per il futuro del paese. Almeno avranno qualcosa da raccontare ai figli.

E poi, se si vuole fare uno scherzone divertente, non c’è bisogno di usare la forza. È sufficiente acquistare una bella catena, di quelle antitutto, e “collaborare” alla buona chiusura del cancello. In questo modo il momento di gloria degli occupanti può essere congelato in eterno, per i posteri, in saecula saeculorum.

Effetti collaterali: se l’azione viene attuata lasciando elementi di entrambi i sessi all’interno delle aule, può esserci il serio pericolo che dopo l’apertura delle gabbie questi si siano moltiplicati a dismisura…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.