Elezioni Universitarie

Loghi elettorali

L’Italia ostenta votazioni, come se non fosse del tutto chiaro e sicuro che siamo in una democrazia. Ogni due per tre siamo invitati ad andare a esprimere la nostra preferenza per l’una o per l’altra formazione politica.

Questa volta il mondo che verrà deciso democraticamente è quello universitario. Oggi e domani, infatti, gli studenti dell’Università di Pavia stanno decidendo chi vorranno nei Consigli Didattici, nei Consigli di Facoltà, nel Senato Accademico e nel Consiglio di Amministrazione. Essendo stato per quattro anni rappresentante degli studenti (per due liste diverse, peraltro, Coordinamento per il Diritto allo Studio – UDU e Ateneo Studenti), voglio dire la mia anche se ormai sono “fuori dal giro”, cercando di dare un consiglio su chi lavora meglio e chi peggio all’interno dei vari organi accademici.

Inizio subito con il pessimo giudizio nei confronti di Azione Universitaria, associazione formata dagli studenti di destra: al di là della mia fede politica, nei miei anni di militanza universitaria raramente li ho incontrati ai consigli. Come sottolinea Matteo Bertani sul numero di Inchiostro dedicato alle elezioni, nella Facoltà di Scienze le loro assenze sfiorano il 90%. Come poi non notare come, durante la riunione della Commissione Acersat in cui Azione Universitaria non ha presentato iniziative, il rappresentante di quest’ultima associazione non si sia nemmeno presentato. EvaporAzione Universitaria, insomma, per parafrasare le parole di Matteo usate spesso negli incontri con gli studenti.

Meno drammatico, ma comunque negativo, è il mio giudizio nei confronti del Coordinamento per il Diritto allo Studio – UDU, l’associazione degli studenti di sinistra. Pur essendo politicamente molto attivi e partecipi, spesso si rivelano molto schierati dietro alla loro ideologia, votando contro a proposte serie, solamente perché presentate da altre associazioni. Un caso a parte merita il Gruppo Kos della Facoltà di Medicina, indipendente dall’associazione. Se fossi uno studente di quest’ultima facoltà, senza indugio voterei per il gruppo Kos, senza però seguire il loro consiglio di votare per il Coordinamento nelle alte cariche, dove il gruppo non presenta candidati.

Tra i gruppi presenti solo in una facoltà spicca Studenti Indipendenti, fondato da Matteo Bertani durante le elezioni del 2004 per il solo Corso di Laurea in Fisica, estesosi poi a tutta la Facoltà di Scienze nel 2006. In questo caso, infatti, non avrei alcun dubbio su chi votare.

Per tutto il resto… c’è Mastercard, dirà qualcuno. Invece c’è Ateneo Studenti, associazione vicina a Comunione e Liberazione. Pur essendo questi “ciellini” fino al midollo osseo, nonostante il mio ateismo imperante, devo ammettere che lavorano bene: poco assenteismo, buone idee e soprattutto, niente politica. E, ovviamente, tra le loro proposte non si parla mai di istituire il crocifisso obbligatorio nelle aule, come i ragazzi di altre associazioni amano malignare.

Detto questo, che è il mio personale punto di vista, lascio allo studente la scelta di chi votare. L’importante è andarci, a votare, per sfruttare quest’ultimo baluardo di democrazia che è rimasto nel nostro paese.

One thought on “Elezioni Universitarie

  1. rettifica post-post-post-elezioni: il gruppo kos ha presentato una candidata in senato accademico ( area scientifica ) che dovrebbe dare il cambio ad alice brambilla “prossimamente”, da cui l’alleanza col coordinamento, tanto che chi prima si presentò col simbolo del coordinamento ora si è presentato a medicina col kos.

    per quanto riguarda noi, beh, nonostante i pochi voti ci siamo espansi, e abbiamo un bel po’ di rappresentanti. chissà, magari qualcuno ci seguirà anche da altri corsi di laurea.

    ~marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.