Il panda Fede

Panda

Quando un animale si trova a rischio di estinzione, è giusto fare di tutto per difenderlo. Sembra che proprio questo sta facendo l’attuale Governo con Rete 4. La terza TV mediaset, infatti, secondo quanto dice una sentenza della Corte di Giustizia Europea, dovrebbe finire sul satellite (o sul digitale terrestre) per lasciare le sue frequenze alla mai-nata Europa 7.

Da maggio 2008, e con effetto retroattivo dal 2006, il Governo Italiano paga 300 mila euro di multa al giorno perché Rete4 trasmette ancora sull’analogico senza permesso. Come se non bastasse, in questi giorni il nostro Governo (presieduto, guarda caso, dal padrone della suddetta rete televisiva) sta varando un emendamento che prolungherebbe la vita di Rete4 sull’analogico. Il fatto che si faccia tutto questo anche per continuare a vedere in televisione Emilio Fede non migliora certo la situazione.

La Legge che porta il nome di Gasparri varata durante il vecchio Governo Berlusconi definiva il digitale terrestre una nuova frontiera dell’innovazione. E ora come mai per Rete4 non va bene? Si erano sbagliati?

Chiunque abbia a cuore la libertà di informazione e il rispetto per la legalità è invitato ad unirsi alla protesta dell’Italia dei Valori, martedì 27, in piazza Montecitorio, a partire dalle 11, per esprimere la propria disapprovazione nei confronti di quella che sarebbe una nuova, vergognosa, legge ad personam.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *